lunedì 31 marzo 2014

Torino in un mazzo di tarocchi



Eccomi con un nuovo post scritto per gli amici delle Guide Bogianen. Parlo di un tour molto originale e affascinante che si terrà sabato prossimo.



Quando è nella sua casa di Parigi, Alejandro Jodorowsky il mercoledì pomeriggio  ha l’abitudine di  leggere i tarocchi ad alcuni fortunati al  Cafè Le Temeraire. 

L’appuntamento è diventato così famoso che già dalla mattina il locale è meta di una processione di persone che scrivono il proprio nome su un foglietto e lo mettono in un cestino, da cui Jodorowsky, complice il caso o il destino, estrarrà i prescelti.  E si dice che il cestino contenga in media almeno 200 nomi!

Il talento poliedrico e visionario di Jodorowsky (regista teatrale, cineasta, scrittore, poeta, saggista) è stato attratto dalla riscoperta e diffusione del significato originario dei tarocchi di Marsiglia, un’arte dalle origine antiche e oscure.

Dopo aver studiato la simbologia dei tarocchi per oltre 40 anni, Jodorowski ha incontrato Philippe Camoin, discendente diretto della famiglia Camoin, ultimo tipografo marsigliese a produrre i Tarocchi di Marsiglia, con cui ha iniziato a lavorare sul restauro dei Tarocchi di Marsiglia originari.
Grazie ad confronto certosino tra le innumerevoli versioni prodotte nel tempo e a conoscenze ignote ai più concernenti la loro storia, tradizione e i vari simbolismi che veicolano, i tarocchi di Marsiglia sono rinati fedeli agli originali del 1700, con il loro affascinante carico simbolico, di lettura e di interpretazione.  

Se il patrimonio simbolico ed esoterico racchiuso in un mazzo di tarocchi intriga anche voi, o se semplicemente avete voglia di divertirvi ad osservare Torino con gli occhi insoliti di una tradizione arcana, è nato il tour "Le vie dei tarocchi" delle Guide Bogianen.

Aggirandovi nelle vie del centro storico come in un grande mazzo di carte, scoprirete che molti luoghi e monumenti hanno un legame con i simboli e la forza degli arcani, e imparerete molte curiosità sulla storia di Torino. La Torre, La Ruota della Fortuna, la Papessa.  A quale luogo si collegano e cosa ci rivelano?  Il tour terminerà con un aperitivo in cui si potrà gustare un "assaggio" di tarocchi con l'esperta tarologa Silvia Garese.

E non abbiate timore: anche gli arcani che a prima vista potrebbero disorientarvi un po’, come l’Appeso, il Diavolo o il Matto, hanno un simbolismo ricco e non sempre ovvio, capace di darvi un responso interessante a proposito dell’argomento su sui avete interrogato le carte.


2 commenti:

  1. Finalmente riesco a leggermi i post passati... fiùùù. Ma che bello e interessante questo tour! Non conoscevo la storia di questo regista né tantomeno la storia del recupero dei vecchi tarocchi marsigliesi. Grazie Manu, davvero interessante!!

    RispondiElimina
  2. La prossima volta che verrai a Torino magari riusciremo anche a fare il tour, che è molto curioso e originale! :-)

    RispondiElimina